Assistenza a familiare non autosufficiente

Contributo per l’assistenza e la cura di persona non autosufficiente.

La Cadiprof rimborsa agli iscritti le spese sostenute per l’assistenzae la cura del familiare in condizione di non autosufficienza nell’ammontare massimo di euro 1.200,00. La prima erogazione viene effettuata all’atto della richiesta del dipendente. Le erogazioni successive alla prima avvengono trascorso almeno un anno dalla data della richiesta precedente per le spese sostenute nel periodo intercorso.

Il rimborso può essere richiesto dal dipendente in copertura con il Piano Sanitario di cui all’art. 10 del Regolamento CADIPROF, da almeno 6 mesi alla data della richiesta, per le spese sostenute, in costanza di copertura, per ciascun familiare in linea retta o collaterale di 1° grado (figlio/a, marito/moglie, genitore/genitrice, fratello/sorella) che necessita di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita ai sensi della Legge 104/92 art. 3 comma 3. Rientrano in copertura le seguenti prestazioni:

  • STRUMENTI E/O PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIFICA ALLA PERSONA (carrozzina, badante, infermiera, rette di Istituti di accoglienza o similari)
  • PRESTAZIONI MEDICHE E/O PRESIDI ACQUISTATI SU PRESCRIZIONE DEL MEDICO CURANTE (visite, analisi, farmaci, pannoloni, creme da decubito, presidi sanitari di supporto o similari, con esclusione delle spese odontoiatriche)

Non sono rimborsabili le prestazioni di assistenza specifica svolte da familiari del dipendente o del non autosufficiente. La richiesta di rimborso (da redigersi sull’apposito modulo scaricabile dal sito www.cadiprof.it sez. Pacchetto Famiglia contrassegnando il punto F – familiare non autosufficente), deve essere presentata in unica soluzione per l’intera somma erogabile con allegata la seguente documentazione:

 

  • autocertificazione dello stato di famiglia dell’iscritto dalla quale risulti la composizione del nucleo familiare ed i rapporti di parentela con il familiare per cui si richiede l’erogazione.
  • copia del verbale rilasciato dalla ASL di appartenenza ai sensi della Legge104/1992 art. 3 comma 3 (“grave condizione di non autosufficienza”).
  • copia dei documenti di spesa fiscalmente validi (fatture, ricevute, scontrini fiscali parlanti, ticket, rette di Istituti di Ricovero) riferiti alle spese di assistenza sostenute per il soggetto non autosufficiente fino a concorrenza della somma erogabile intestati al dipendente o al familiare non autosufficiente.
  • copia della prescrizione del medico curante per le prestazioni mediche, i farmaci e i presidi sanitari
  • copia fotostatica dell’ultima busta paga.

Scarica Guida Completa


Scarica la nostra guida
- Piano Sanitario
- Pacchetto Famiglia
- Odontoiatria
- Convenzioni

 DOWNLOAD

Leggi Guida Completa

Info Utili